• Se la sposa scopre le gambe…

    Sfatiamo, o almeno tentiamo, un altro mito.
    L’argomento è abbastanza inflazionato, ma la chiarezza, come al solito, è poca. Del resto più voci ci sono nel coro, maggiormente si confondono le idee.
    Leggendo in giro per la rete, non si riesce a non imbattersi in blog, articoli, servizi sulle spose. Del resto è primavera, stagione di cerimonie, e sembra inevitabile.
    A farmi saltare sulla sedia è stato l’ennesimo post in cui si ventilava che l’abito da sposa corto sia riservato alle spose un pò…tardive (definite zitelle mancate) o a chi convola per la seconda (o terza, o quarta) volta. Si aggiungeva inoltre, in modo perentorio, che no, il velo con il corto mai!
    Beh, galateo alla mano, non è vero niente di quanto sopra. Read more

  • I soldi non fanno la felicità…e neanche il buon gusto.

    Fin da bambine, complici i cartoni animati, i film stile Sissi e simili, ci hanno convinte dell’indispensabilità di un matrimonio da favola, con abito principesco, diadema, strascico e un numero imprecisato di paggetti.
    Ma quel che è peggio, ci hanno assicurato l’infallibilità delle spose reali, il loro innato buon gusto, la loro raffinatezza, la necessità di ispirarsi alle loro scelte.
    Beh, indubbiamente, scorrendo un immaginario album di nozze che riassuma i principali matrimoni reali dell’ultimo secolo, qualche bell’esempio di eleganza e charme possiamo ricavarlo; eppure, non sono mancati sonori scivoloni, cadute di stile epiche, colossali abbagli. Read more

  • Cappello sì, cappello no, cappello quando?
    E’ inverno, fa freddo, il cappello più che un vezzo è un’esigenza per molti.
    Oggi, con noncurante leggerezza, indossiamo questo indumento all’aperto, al chiuso, in macchina, nei casi più arditi anche in casa, propria o altrui.
    Eppure, un tempo, precise norme regolavano tempi, modi, portamento da tenere a capo coperto.
  • I regali dei suoceri

    In occasione del giorno del matrimonio, i rispettivi genitori, a prescindere dal minore o maggiore coinvolgimento economico nell’organizzazione dell’evento, sono soliti fare un regalo alla nuora e al genero.
    Non si tratta di una tradizione dettata da regole di etichetta o galateo. Tuttavia nel corso degli anni si è particolarmente radicata. Probabilmente prende le mosse dal fatto che un tempo, molto spesso, l’anello di fidanzamento che il fidanzato donava alla fidanzata proveniva dalla collezione di gioielli di famiglia, e in qualche modo era un prezioso che si tramandava di generazione in generazione. Read more

Back to top