• Il vestito per la tavola.

    Apparecchiare la tavola è sempre stata considerata una vera e propria arte, banco di prova per la padrona di casa che dimostra, in questo aspetto della cura dei dettagli, il proprio buon gusto e la capacità di adeguarsi alle situazioni.
    Iniziamo con il prendere in considerazione il primo passo di questo procedimento che, in casi di estrema importanza, può diventare anche molto lungo e laborioso: la scelta della tovaglia.
    Dalla più semplice alla più colorata, dalla più modesta alla più elegante, sarà lo strumento che ci consentirà da un lato di coprire il tavolo e dall’altro di creare il giusto sfondo alle stoviglie e al cibo che serviremo. Sarà, inoltre, indizio fondamentale del tenore che vogliamo conferire all’evento che stiamo organizzando. Read more

  • Cappello sì, cappello no, cappello quando?
    E’ inverno, fa freddo, il cappello più che un vezzo è un’esigenza per molti.
    Oggi, con noncurante leggerezza, indossiamo questo indumento all’aperto, al chiuso, in macchina, nei casi più arditi anche in casa, propria o altrui.
    Eppure, un tempo, precise norme regolavano tempi, modi, portamento da tenere a capo coperto.
  • Vestiamo le mani.

    Cerimonia, serata di gala, prima alla Scala: il guanto elegante è un elemento che contribuisce in modo determinante a completare e valorizzare un abito, purchè sia scelto con cura e cognizione, ma soprattutto indossato con disinvoltura.

    Ad una cerimonia, in genere, il suggerimento è quello di abbinarlo al vestito o al cappello, se lo indossate. Con l’abito da sera è concesso di sceglierlo a contrasto con il colore dell’abito seguendo, in ogni caso, le comuni regole di buon gusto nell’accostamento dei colori. Read more

  • A tavola: primi rudimenti.

    Questo è il primo vero appuntamento con la tavola, i suoi ornamenti, le stoviglie, e il modo di utilizzarle e comportarsi. Ne seguiranno altri, più dettagliati e specifici. Gettiamo le basi affinchè, invitati ad un convivio, possiamo non apparire come dei pesci fuor d’acqua.

    Per il momento tralasciamo la corretta disposizione di piatti, bicchieri e posate, alla quale ci dedicheremo specificatamente più avanti. Limitiamoci alla prima regola di base riguardo le sedute dei commensali, che prevede l’alternanza uomo/donna nell’assegnazione dei posti a tavola, con l’accortezza che gli ospiti di maggior riguardo, in base al sesso, siederanno alla destra e alla sinistra dei padroni di casa.

    Una volta che tutti i presenti si trovino in sala da pranzo, gli uomini dovranno sedersi solo quando tutte le signore saranno già accomodate. Read more

  • “Lei non sa chi sono io!”

    L’idea di questo post nasce dalla domanda che, qualche giorno fa, un’amica ha rivolto su un social network alle sue conoscenze.
    Per ragioni legate al suo lavoro avrebbe dovuto incontrare l’ambasciatore di uno stato estero qui a Roma.
    Il suo problema era non sapere in che modo rivolgersi a lui correttamente e rispettosamente.
    Le risposte sono state molto varie, alcune un pò fantasiose, molte troppo esagerate.
    Allora ho pensato potesse essere utile un piccolo decalogo. Read more

  • I regali dei suoceri

    In occasione del giorno del matrimonio, i rispettivi genitori, a prescindere dal minore o maggiore coinvolgimento economico nell’organizzazione dell’evento, sono soliti fare un regalo alla nuora e al genero.
    Non si tratta di una tradizione dettata da regole di etichetta o galateo. Tuttavia nel corso degli anni si è particolarmente radicata. Probabilmente prende le mosse dal fatto che un tempo, molto spesso, l’anello di fidanzamento che il fidanzato donava alla fidanzata proveniva dalla collezione di gioielli di famiglia, e in qualche modo era un prezioso che si tramandava di generazione in generazione. Read more

  • Indovina chi viene a cena

    Sarà sicuramente capitato, o comunque immancabilmente capiterà, di essere invitati ad un pranzo o ad una cena non dal solito amico, dalla premurosa zia, o dall’amico di famiglia che vi conosce sin da bambini; questa volta l’invito è più formale, un’occasione più importante, non per la presenza di principi e ambasciatori, ma perchè si tratta di ospiti di riguardo per voi, o comunque perchè tenete a fare una bella figura.
    Anche in questo caso, semplici regole di etichetta e un pizzico di buon senso vi aiuteranno a non commettere errori.
    Innanzi tutto la regola fondamentale, e sempre valida, è quella di adattarsi all’ambiente: non esagerate nell’eleganza del vestito, se la circostanza non lo richiede, non cercate a tutti i costi di piacere, ma rimanete voi stessi, magari con qualche maggiore accorgimento nell’abbigliamento e nelle maniere. Read more

Back to top