Quando anche lui si chiede: cosa mi metto?

E’ sempre più raro, ma può ancora accadere.
Ricevere un invito formale, ad una serata particolare, ed essere attanagliati da un dubbio lancinante: cosa devo indossare?
Se per le donne questa è una domanda consueta, ricorrente, quotidiana e che prescinde dai metri quadrati che occupa il nostro armadio, per i signori uomini può costituire una novità, specie se ad affliggere è l’incertezza su quale sia l’abbigliamento adatto all’occasione.
In genere, a toglierci d’impaccio, se l’evento è particolarmente formale, sarà l’invito stesso: se troviamo scritto “cravatta nera” si sarà voluto consigliare l’abito scuro o lo smoking; “cravatta bianca” indica il frac.
Nel primo caso starà a noi capire, salvo indicazioni più precise, se sia indispensabile lo smoking, decisamente più rigoroso di un abito scuro.

Smoking con giacca a lance

Smoking con giacca a lance

Va però ricordato che si tratta di un capo di abbigliamento adatto unicamente alla sera, a serate mondane e di gala.
La giacca dello smoking si lascia aperta, se si tratta di un modello monopetto, assolutamente chiusa se doppiopetto.
I revers saranno a punta (o a lancia), come di regola negli abiti più formali, o sciallati, tipici dello smoking.

Smoking con giacca sciallata

Smoking con giacca sciallata

La camicia potrà avere il collo diplomatico o tradizionale, ovviamente senza bottoni, potrà avere lo sparato lavorato, ma solo tono su tono, e sarà completata da un papillon, a sua volta in tinta con la fascia in vita. Il consiglio è quello di non cercare a tutti i costi l’originalità con i colori di papillon e fascia, ma di attenersi al classico nero nelle occasioni più importanti.

doppiopetto

Smoking con giacca doppiopetto

Scarpe di vernice allacciate completano l’insieme.
Se scegliete di indossare anche il fazzoletto al taschino, anche in questo caso non dovrà essere abbinato al papillon, e quindi sarà rigorosamente bianco; dovrà essere di un tessuto pregiato, preferibilmente seta.
Bianca e di seta anche l’eventuale sciarpa.
Più difficile potrebbe risultare abbinare il giusto soprabito: il mantello è decisamente retrò e ai più giovani suonerà fuori moda e comunque non gradito. Optate pure per un cappotto nero, dal taglio classico, certamente maggiormente sfruttabile. Ogni volta che la temperatura lo consenta, indossate pure lo smoking da solo.
Le donne, nel caso sia indicata la “cravatta nera” indosseranno un abito da sera, da cocktail, lungo o corto. Preferibilmente corto se il tono dell’evento consente all’uomo l’abito scuro. Lungo solo se lui sarà in smoking.
Se invece l’invito impone la “cravatta bianca”, gli uomini indosseranno il frac e le signore un abito rigorosamente lungo.

Frac

Frac

Il frac è composto da: una giacca con le code, che può anche essere a doppio petto, ed è l’unico caso in cui la giacca va tenuta chiusa; un gilet molto scollato, spesso a punta, in genere bianco o comunque di colore chiaro; pantalone del colore della giacca (non lasciatevi tentare da abbinamenti fantasiosi e di dubbio gusto); camicia bianca e, appunto, cravatta bianca, o papillon.
Non è raro vedere abbinati al frac anche cravatta e cravattino neri; diciamo che l’indicazione dell’invito può non essere presa alla lettera, nel senso di indossare comunque il frac, sebbene con cravatta nera.
Per gli accessori, fascia esclusa, valgono le stesse considerazioni fatte per lo smoking.

Buona serata, e buon divertimento…senza sgualcirvi troppo!

Immagine di copertina: The last waltz – Clarence Underwood

3 Comments

  1. Pingback: jesus
  2. Pulled From Facebook
    Ricercatamente 18 Novembre 2014 at 19:40 ·

    jesus says:
    .

    ñïàñèáî çà èíôó!

  3. Pingback: travis

Leave a Reply

Back to top